Imballaggi sostenibili: la circolarità per salvare il clima

Gli imballaggi sostenibili sono fondamentale per ridurre l'inquinamento.

Gli imballaggi sostenibili possono essere di grande aiuto per contrastare il cambiamento climatico che stiamo vivendo.

Adottati dalle aziende nell’ambito di un progetto di economia circolare, sono infatti in grado di ridurre i rifiuti prodotti, promuovendo il riuso dei materiali e un loro corretto smaltimento.

Che cosa sono gli imballaggi

La direttiva 94/62/CE definisce gli imballaggi nel modo seguente:

“tutti i prodotti composti di materiali di qualsiasi natura, adibiti a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all’utilizzatore, e ad assicurare la loro presentazione. Anche tutti gli articoli “a perdere” usati allo stesso scopo devono essere considerati imballaggi.”

Il packaging sostenibile aiuta l'economia circolare.

Da qui si inizia a comprendere quanti oggetti rientrino in questa definizione: i contenitori dei singoli prodotti, quelli che raccolgono più articoli per la consegna, i materiali di riempimento e quelli protettivi.

Il packaging e il problema dello smaltimento

Gli acquisti, dall’online ai supermercati, hanno generato una diffusione massiccia del packaging. Non si tratta solo di protezione per la merce: è anche un elemento distintivo per la percezione del marchio, che identifica il prodotto e l’azienda che lo vende rispetto ai concorrenti.

In molti casi però, dall’agro-alimentare, fino ad arrivare ai cosmetici che utilizziamo quotidianamente, viene realizzato con materiali non sempre facilmente riciclabili, che incrementano il problema legato al già compromesso sistema di smaltimento dei rifiuti.

Il problema dello smaltimento

Gli scarti generati, come abbiamo già accennato nei nostri precedenti articoli, finiscono in un lungo percorso che può portare nel migliore dei casi ad un loro riciclo, e nel peggiore ad accumularsi nelle discariche o nei nostri mari, causando l’ormai noto inquinamento da plastica.

Ripensare la progettazione

La progettazione quindi va ripensata, dal design all’utilizzo dei materiali, affinché si arrivi ad ottenere una maggiore sostenibilità. Scegliere soluzioni riutilizzabili significa pensare a tutto il ciclo di vita dell’imballaggio: dalla produzione, al momento in cui il consumatore finale lo riutilizza, fino ad arrivare al riciclo del fine vita.

L’obiettivo è quello di ottimizzare il consumo e la distribuzione, attivando un processo di miglioramento continuo e di maggiore sensibilizzazione della comunità.

I vantaggi del packaging riutilizzabile

Un’impresa che utilizza un packaging riutilizzabile, dimostra così di prestare attenzione all’ambiente, migliorando la propria reputazione complessiva nei confronti dei consumatori.

I rifiuti prodotti verranno ridotti, contribuendo alla risoluzione del problema dello smaltimento. Inoltre, l’attenzione alla sostenibilità renderà possibile razionalizzare il processo di approvvigionamento degli imballaggi, facendo maggiore attenzione ai loro costi.

L’adozione dei principi dell’economia circolare, che prevedono la riduzione dei rifiuti favorendo il riutilizzo, può e deve contribuire alla salvaguardia del nostro pianeta.

Pensare a packaging sostenibili ci permetterà così di ridurre l’inquinamento, contenendo l’immissione dei rifiuti e aumentando il loro riciclo e il riutilizzo.

Commenti disabilitati